Iscriviti a mipiacemifabene ;-)

Facebook

lunedì 25 novembre 2013

Pane di segale integrale Mipiacemifabene ;-)


Quando fuori comincia a fare freddo mi viene voglia di impastare e preparare dolci, pizze e focacce... Quando ero bambina rimanevo inchiodata davanti al forno e amavo osservare la magia della lievitazione, mi sembrava un film ed era sicuramente il mio preferito! Ancora oggi quando controllo la cottura attraverso quel vetro retro illuminato che emana calore, mi incanto e rimango affascinata e rapita da questo spettacolo :-) La settimana scorsa ho rinfrescato la mia pasta madre e vista la varietà di farine che offriva la mia dispensa ho pensato bene di panificare. Preparare il pane a casa propria oltre ad essere facilissimo e poetico è anche molto economico. Ci si può permettere di comprare farine biologiche di qualità e veramente integrali. Sapete che quando comprate il pane "integrale" in molti casi non lo è veramente? Nella maggior parte dei casi vi daranno un pane preparato con farina 0 o addirittura 00 alla quale aggiungono crusca. Il grano per fare bene ha bisogno dell'insieme di tutti i suoi elementi dei quali è composto; proteine, fibre, carboidrati, crusca e il germe che contiene vitamine del gruppo B. Quando parliamo di una farina 0 o 00 parliamo di farine povere dal punto di vista nutrizionale con un elevato indice glicemico alle quali spesso vengono aggiunti additivi o glutine per aumentare le caratteristiche performative. Si trovano tanti prodotti sul mercato venduti come integrali che integrali non sono. L'autoproduzione è una garanzia; si risparmia in denaro e si guadagna in salute! Seguitemi e scoprirete che è facilissimo :-)























Ingredienti:
400 g di farina di segale integrale
150 di farina integrale
50 g di farina manitoba
300 g di pasta madre rinfrescata
300 g di acqua
3 cucchiai di olio di girasole bio spremuto a freddo
1 cucchiaio di malto 
1 cucchiaino di sale marino
3 cucchiai di semi di sesamo

Procedimento: 
Sciogli la pasta madre nell'acqua tiepida insieme all'olio, il malto, il sale. Miscela con una frusta le farine a parte e uniscile agli ingredienti liquidi. Impasta bene su un tagliere per una decina di minuti. Aggiungi il sesamo e impasta ancora. Forma un panetto cilindrico, trasferiscilo in una forma per il pane precedentemente oliata, crea dei tagli sulla superficie, copri con pellicola per alimenti e fai riposare in frigorifero per una notte. La mattina seguente tira fuori il pane dal frigo e fai lievitare 3 ore a temperatura ambiente. Cuoci a 200° per 40 minuti circa. Togli delicatamente il pane dallo stampo e lascialo raffreddare su una griglia sospesa in modo tale che mantenga la sua fragranza. Ora lo puoi affettare e gustare come meglio credi :-) Io ho preparato dei gustosi panini con seitan affettato, foglie di insalata e la mia "Maisonese"... Squisiti! Il pane di segale integrale Mipiacemifabene ;-) Ciao, alla prossima ricetta! Federica :-) www.mipiacemifabene.com Puoi trovarmi anche su facebook Twitter youtube per vedere tutte le mie video ricette e se vuoi puoi unirti alla mia pagina di gradimento facebook :-) Grazie! :-D

Il consiglio:
Con questo dosaggio otterrete una pagnotta da 1 kg abbondante. Il pane di segale si conserva bene per 5 giorni avvolto in un panno oppure in un sacchetto di carta per alimenti. Potete anche scegliere di tagliarlo a fette e congelarlo così lo potrete utilizzare all'occorrenza e magari scaldarlo nel tostapane. Se si dovesse seccare potete fare la panzanella oppure tritarlo e utilizzarlo per la preparazione di polpette, burger vegetali, panature ecc... Mipiacemifabene ;-)

21 commenti:

  1. E questa volta sono arrivata prima di te (si fa per dire!), perchè fra sabato e domenica ho panificato con la farina di segale (non ti nego che quando l'ho comprata non avevo assolutamente idea di cosa farne) e ho preso la ricetta da un libro bellissimo di Hamelman, ... buonissimo!!!! E' bellissimo panificare, fa bene anche ai nervi! Un bascione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eggià... Ed io che speravo di passarti la mia ricetta... Potevi darmi questa soddisfazione!! :-D

      Elimina
  2. Lo adoro. Adoro quelle farine, adoro il risultato, adoro il profimo che immagino ma che so corrispondere alla realtà, adoro le tue manine che creano bontà continue, adoro il tuo sorriso che accompagna sempre utto. Gran bel pane, mi piace. Grande Fede, un baciottolone enorme!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesorina bella!!! Dovremmo panificare insieme io e te :-) baci stellina!
      F*

      Elimina
  3. Ciao Federica!!!! che piacere conoscerti!:) Il tuo blog è bellissimo, pieno di ricette interessanti...mi aggiungo anch'io ai tuoi lettori!!!!!
    Favoloso questo pane!!!! Non ho la pasta madre ma mi sto segnando tutte le ricette di pane e affini...la tua si aggiunge all'elenco:)!!!!
    Un bacione e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona :-) Che bello vederti qui così presto :-D Sono contenta che ti piaccia il mio blog e le ricette; contraccambio la stima. A prestissimo e grazie per essere passata :-)
      Federica :-)

      Elimina
  4. Ciao Federica, ha proprio ragione, molto spesso ciò che vendono per integrale non lo è affatto!
    Bellissima e profumatissima la tua panificazione
    Un bacione e buona giornata
    Giusy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giusy! Che bello vederti :-) Sull'integrale c'è un'ingiustificata tolleranza. Ad ogni modo se si legge bene sulla lista degli ingredienti è giustificato. Tempo fa ho comprato in un grande supermercato dei biscotti per mio figlio che erano i migliori nel senso che non contenevano oli di palma, margarina eccetera... Ho visto che erano "integrali" ma solo a casa mi sono accorta che c'era un asterisco... Praticamente tra parentesi c'era scritto: Farina integrale* (farina 0, cruschello)... La fibra è stata aggiunta ma al grano hanno tolto un sacco di elementi indispensabili. In tutta la storia noi siamo quelli che mangiano più di tutti ma al nostro cibo hanno tolto i nutrienti indispensabili. Per evitare carenze bisognerebbe mangiare almeno 3 colte alla settimana cereali in chicco integrali (orzo, avena, riso, farro) e tutto il gruppo dei "non cereali" (miglio, grano saraceno, quinoa, amaranto)...
      Ma adesso in testa io ho solo i tuoi ravioli ;-)
      Grazie per essere passata, ci vediamo presto
      Federica :-)

      Elimina
  5. Che bello panificare...è una delle cose più belle del mondo per me! Anche io non mi fido del pane comprato e infatti in casa mia non ne entra mai...solo rigorosamente pane fatto con le mie manine, scegliendo con attenzione le farine perché il discorso della privazione degli elementi essenziali dei cereali non si applica solo ai prodotti (pane, pizze, biscotti, ecc...) ma tante volte anche alle farine purtroppo :(
    Comunque complimenti il tuo pane è così bello che mette voglia di un panino solo a guardarlo...e come poteva essere altrimenti? A presto ;)
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alice !!! Sai che questo pane è ancora fresco!! Incredibile! Ieri mi sono preparata dei toast troooppo buoni! Oggi l'ho mangiato tostato con la zuppa e stasera con l'insalata... Il pane ha di buono anche il fatto che non stanca mai! Sai cosa pensavo?! Io e te potremmo vederci per una merenda un pomeriggio e magari facciamo uno scambio di pasta madre; io te ne do un pezzetto della mia e tu un pezzetto della tua così diventiamo parenti! :-D Comunque dico sul serio; l'inverno è lungo e potremmo seriamente vederci, magari realizziamo anche qualcosa insieme, cosa dici?? Un bacione stellina e grazie per essere passata :-)
      Smack!
      F*

      Elimina
  6. Ciao Federica!
    Beh, mi fa tanto piacere che tu mi abbia scoperta, io invece ti avevo già adocchiata ed ero già tra i tuoi followers! ;-)
    Complimenti per il tuo blog, davvero tanti!
    E ora, visto che amo molto panificare, mi studio un po' la tua bella ricetta!
    A presto e grazie della visita! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Assunta :-*** A prestissimo allora :-D
      Federica :-)

      Elimina
  7. mi piace il pane di segale ed lo volgio rifare presto... pensi che quei 50g di manitoba sia indispensabile per la riuscita finale?

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Goran :-)
      Io sono d'accordo con te! Non uso farine raffinate e quando uso l'integrale deve essere veramente integrale! Tu evidentemente sei uno di quei fornai che lavorano ancora bene ma ti assicuro che la maggior parte ormai usa farine 0 o 00 o addirittura triplo 0 e poi aggiunge la crusca... Io mi oppongo alle farine raffinate! Tra l'altro questa è una vecchia ricetta ma ormai da anni non utilizzo più neanche la Manitoba perché anche quest'ultima è raffinata... Il mio pane non sarà per formante quanto un pane spinto ad esserlo però sono certa che è buono come quello che faceva la mia bisnonna :-) bravo buon lavoro! Federica :-)

      Elimina
  9. io faccio e vendo pane di segale, solo pane di segale e lo spedisco in tutta Italia. Uso farina di grano integrale e segale integrale o 0 e farina di segale tipo 1. Non capisco il motivo di fare l' integrale usando 0 e crusca! Mi sembra talmente assurdo! HAI COMPERATO LA CRUSCA? Dove sarebbe la convenienza? C'è chi fa pane con farine lavate con alcool o con conservanti ma non è pane fresco cotto tutti i giorni. Il pane che si cuoce tutti i giorni è un pane fatto di farine normalissime e non comprendo perchè tu debba dire che ci si aggiungono tante cose dentro. IL MOTIVO PER FARLO? Il pane è un prodotto semplice, vivo e se vogliamo facile da fare e solo se devi fare prodotti a lunga conservazione puoi aggiungere sostanze e fare miscugli... Non capisco il motivo di usare manitoba per fare il pane di segale. Per fare prima visto che è una farina più "forte"? Allora non è un pane di segale convenzionale e perde la sua caratteristica naturale... Io faccio lievitare 15 ore sia il normale che l' integrale e non servono aggiunte di farine forti... peraltro non capisco perch usare integrale e poi mettere manitoba...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Goran :-)
      Io sono d'accordo con te! Non uso farine raffinate e quando uso l'integrale deve essere veramente integrale! Tu evidentemente sei uno di quei fornai che lavorano ancora bene ma ti assicuro che la maggior parte ormai usa farine 0 o 00 o addirittura triplo 0 e poi aggiunge la crusca... Io mi oppongo alle farine raffinate! Tra l'altro questa è una vecchia ricetta ma ormai da anni non utilizzo più neanche la Manitoba perché anche quest'ultima è raffinata... Il mio pane non sarà per formante quanto un pane spinto ad esserlo però sono certa che è buono come quello che faceva la mia bisnonna :-) bravo buon lavoro! Federica :-)

      Elimina
  10. Fede ormai il tuo pane di segale lo faccio tutte le settimane! E' buonissimo, cammino un po' per trovare la farina ogni volta, ma ne vale la pena!! Un bacio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marina, sono contenta che ti piaccia!
      Io da tanto tempo ho eliminato anche la manitoba perché non la digerisco...

      Elimina